La Mappatura del Territorio in prospettiva della costituzione della RET

In termini di mappatura del territorio delle Colline Livornesi, ad oggi esistono varie fonti di informazione talvolta anche molto dettagliate, ma purtroppo spesso non troppo aggiornate o non fruibili in termini di “esperienza diretta” sul territorio; in particolar modo, quello che più è “balzato agli occhi” del Progetto Occhi sulle Colline è la mancanza di indicazioni sul territorio che rendano accessibili a tutti, ovvero con estrema semplicità, i possibili percorsi (sentieri ed itinerari) e punti di maggior interesse (punti notevoli), sia a chi il territorio lo abita sia a chi il territorio lo scopre come visitatore occasionale.
Oltre ad una vasta bibliografia documentale (tra cui la Guida Natura "Parco Naturale dei Monti Livornesi: Itinierari Natura" di Gianfranco Barsotti), nel tempo sono stati realizzati alcuni importanti elaborati cartografici a cui poter fare riferimento in termini di mappatura del territorio:
  • "DUE PASSI NEL VERDE-Carta escursionistica" (Comune di Collesalvetti; Comune di Livorno; Comune di Rosignano Marittimo; 1991)
    due passi verde
  • "TREKKING-COSTA DEGLI ETRUSCHI (FOGLIO NORD-FOGLIO SUD)" (Provincia di Livorno; PRIMA EDIZIONE 1996).
    trekking costa etruschi
 
                                                                  
 
Ambedue le cartografie contengono riferimenti a sentieri di cui ad oggi non è disponibile alcuna traccia sul territorio.
Scopo della linea progettuale "MAPPATURA DEL TERRITORIO" è quella di individuare sentieri e itinerari trivalenti, ovvero sentieri ed itinerari usufruibili a piedi, in MTB ed a cavallo e di produrne sia materiale descrittivo e conoscitivo sia di produrne una traccia evidente sul territorio (quantomeno una segnaletica orizzontale ed eventualmente una cartellonistica verticale a supporto).
 
In tal senso, una possibile prospettiva futura potrebbe essere quella dell’inserimento dei sentieri, degli itinerari e dei punti notevoli delle Colline Livornesi nella RET (Rete Escursionistica Toscana) ed è in questa prospettiva che il Progetto ha portato fino ad oggi avanti nelle proprie attività in termini di “Mappatura del territorio”.
Con il Regolamento n.61 del 14/12/2006 (di attuazione della Legge regionale n. 17 del 20/3/1998 che proclama la nascita della Rete Escursionistica Toscana RET), sono state definite con esattezza la competenze di Regione, Province, Comuni, Comunità montane ed Enti parco riguardo alla realizzazione ed alla manutenzione dei sentieri compresi nella RET.
La RET sarà realizzata in attuazione della normativa regionale e sarà costituita da una complessa banca-dati topografica, fatta di "sentieri" digitali come somma di “tratte” digitali essenziali e renderà disponibili le notizie relative alla percorribilità e alla manutenzione: ostacoli, segnaletica, vie di fuga, punti ristoro, oltre a vegetazione e fauna, attrezzature tecniche, larghezza, condizioni del fondo, morfologia del terreno, grado di difficoltà. Tutti i sentieri inseriti nella RET saranno segnati sul territorio secondo le modalità previste dalla normativa nazionale e regionale.
Ad oggi non esiste ancora il Catasto della RET, ma esiste una base del Catasto della RET corrispondente all’elenco dei Sentieri CAI proposti nel 2005 (e ad oggi in corso di revisione) ed acquisiti come contenuti da utilizzare per la prima costituzione del Catasto della RET.
L’accesso alla base del Catasto della RET è consultabile tramite il viewer GIS, a partire dal sito della Regione Toscana: http://web.rete.toscana.it/sgr/webgis/consulta/viewer.jsp.

Scopo del progetto è la raccolta del materiale necessario alla realizzazione della banca-dati topografica e parallelamente veder realizzare la segnaletica della sentieristica nonché contribuire a fornire informazioni in termini di percorribilità e necessità di manutenzione dei sentieri.
In termini di Mappatura del Territorio, il Progetto Occhi sulle Colline si pone in sintesi  l’obiettivo di favorire la fruizione dei migliori percorsi del territorio:
  • mettendo a disposizione la descrizione di sentieri, itinerari e punti notevoli (tramite la raccolta di apposite schede a cui saranno allegati i tracciati gpx);
  • mettendo a disposizione una mappa interattiva da poter consultare e aggiornare (tramite gli strumeti di cartografia digitale del Progetto Open Street Map);
  • organizzando esplorazioni del territorio (esclusivamente a piedi, in bicicletta o a cavallo) per mantenere aggiornate le descrizioni e la mappa realizzati e per fornire aggiornamenti sullo stato di fruibilità;
  • costruendo le basi informative della complessa banca-dati topografica che andrà a costituire la base della RET sul territorio delle Colline Livornesi;
  • cercando le possibili modalità di collaborazione con gli enti territoriali per la realizzazione della segnaletica dei sentieri.
 
 

Free Joomla! template by Age Themes