Cava della Focerella e Sorgenti dell’Acquedotto

Nome:
Anello breve della Valle Benedetta,  per la cava della Focerella e le sorgenti dell’acquedotto.
Valle Benedetta, zona 4
Località di partenza:
piazzetta fermata bus della Valle Benedetta
Località di arrivo:
idem (ad anello)
Accesso al percorso:
in auto o autobus linea 12
Lunghezza complessiva:
circa 9 Km.
Dislivello totale in salita:
200 m.
Modalità di percorrenza:
a piedi (non adatto a bici e cavalli)
Tempi medi di percorrenza:
4:00 ore
Difficoltà:
medio EE
Principali punti di interesse :
cava della Focerella, acquedotto leopoldino
Note:
le arcate dell’acquedotto, almeno dai tempietti alle sorgenti, non hanno protezione alcuna, fare quindi molta attenzione se si intende percorrerli e non farlo se si soffre di vertigini.
Links utili:
Descrizione del percorso:
Si scende nella valle del torrente Morra, seguendo il percorso 00 dell’ippovia  fino ad una cava di rocce verdi (della Focerella) da dove ci portiamo all’acquedotto, per una discesa dolce fino al Morra. Guadato facilmente il torrente saliremo quindi ai tempietti del Poccianti e, per qualche decina di metri, cammineremo sulle arcate dell’acquedotto, almeno  finchè queste non cominceranno ad innalzarsi. Tornati sui nostri passi, riguadagneremo nuovamente il torrente, per risalire verso la Valle Benedetta, questa volta prendendo la salita a destra, l’unico tratto un po’ impegnativo del nostro tracciato. Nota: la vegetazione in cui ci immergeremo è sia tipica della macchia mediterranea (corbezzolo, lentisco, mirto,erica, ginestra etc.etc.)  che della lecceta (zona acquedotto).

Dettaglio

tempietti Poccianti 2Dalla piazzetta della Valle Benedetta si sale per lo sterrato di fronte e  in dieci minuti, lasciato alla nostra sinistra il primo mulino, ben riconoscibile, al bivio si prende per il sentiero 00 dell’ippovia, in discesa, tralasciando l’altro sentiero sulla nostra sinistra  che scende al Calvario prima ed a Pandoiano e Loti poi. Quasi subito troviamo un traliccio della linea elettrica ed a sinistra un ripido sentiero che scende velocemente al Morra, prossimo al camminamento per i tempietti del Poccianti. Lo tralasciamo ed andiamo invece avanti ed in discesa per arrivare, dopo circa 30 mt.ad una fattoria, riconoscibile per i molti cani da guardia che abbaiano. Siamo sempre sullo 00 e continuiamo a scendere per altri 30 mt., arrivando all’ex cava della Fociarella (caratteristica per il colore verde del pietrisco).
A questo punto abbiamo due possibilità: 1) andare oltre la cava e prendere un sentiero c.a.i sulla sinistra, indicato come 02, per scendere alla terrazza dell’acquedotto, la fine del camminamento sull’acquedotto a partire dai tempietti 2) girare a sinistra, con ampia curva,  e prendere la sterrata sempre indicata come ippovia 00 per scendere al Morra, all’inizio però del camminamento e non alla fine, dove si arriverebbe, come detto prima, per il sentiero 02.

Oggi scegliamo l’ipotesi 2 ed  in 30/40 minuti di discesa non impegnativa arriviamo ad un gruppo di case intorno al Morra, da dove, seguendo il segnavia bianco/rosso, prendiamo una salitella che arriva subito ad un bivio dove gireremo a destra, in salita, per arrivare ad uno spiazzo che ci conduce nel bosco dove prendere a destra per finire sul camminamento dell’acquedotto. Lo risaliamo, compresa la scalinata che troveremo, e saremo ai tempietti (20 mt.). Qui sosteremo, tenendo presente che potremmo anche andare a destra, percorrendo per intero le arcate in muratura dell’acquedotto (30/40 mt., fino all’ultima sorgente dove risaliremmo in salita il sentiero c.a.i n°02, nominato all’inizio, trovandoci nuovamente alla cava della Focerella. Oggi però faremo sosta ai Tempietti e torneremo invece sui nostri passi per la stessa via a ritroso ed in 20 mt. risaremo nuovamente al Morra ed al gruppo di case, dove, oltrepassato il guado, saliremo a destra (nb: siamo arrivati a questo guado da sinistra ed adesso risaliamo a destra).

La salita sarà di 45 mt.circa , fino ad una casa abbandonata bianca, seguita da un'altra abitata, proseguiamo per altri 45 minuti e nuovamente ritroveremo il traliccio dell’alta tensione che abbiamo incontrato all’inizio. Totale dislivello 200 metri in discesa e  200 in salita.Tempo di percorrenza 3.30/4: andata h.2 e h.1.30 ritorno.

Difficoltà media per l’ultima salita. Scarponcini e acqua e ricordare che la Valle la lasciamo alle nostre spalle, dovremo seguire lo 00 e poi girare in direzione Colognole (a sinistra). Utile anche una carta delle colline perché di segnali direzionali non ce ne sono.

Mappa del percorso:

Free Joomla! template by Age Themes